Restyling del sito web, user experience e SEO: il caso Project Invictus

Si fa presto a parlare di strategia digitale, ma nel concreto come si esprime questo concetto?

Un buon esempio è quello del lavoro svolto per Project Invictus, online magazine e casa editrice indipendente leader in Italia nel settore fitness&nutrition con oltre 100.000 copie vendute. Nato nel 2012 come blog per appassionati del settore, negli anni Project Invictus ha ampliato il suo business: dapprima nel 2015, diventando casa editrice indipendente e successivamente nel 2018, con l’introduzione del corso per ottenere la certificazione per personal trainer riconosciuto e abilitante all’esercizio della professione. 

Grazie al supporto di Meta Line, il portale ha visto crescere esponenzialmente visite al sito e vendite, con un incremento di traffico nel biennio 2017-2019 pari al 327%.

Come ci siamo riusciti? Grazie ad una strategia digitale complessa, basata sul miglioramento della user experience e sull’inbound marketing, per intercettare il target attraverso contenuti di valore capaci di attrarre e ingaggiare il pubblico giusto.

Scopriamo nel dettaglio le varie fasi del progetto!

Prima fase: Restyling sito web e SEO (2015 – 2018)

Una partnership che ha avuto inizio nel 2015 con l’attività di consulenza per il lancio del primo libro “Project Nutrition” e che è proseguita l’anno successivo con il rifacimento del portale. Un progetto che ci ha coinvolti per la realizzazione del sito, il miglioramento della user experience e l’ottimizzazione SEO del portale.

Quando abbiamo aperto il dialogo con il cliente, ci siamo trovati di fronte ad un sito già ben avviato e ricco di contenuti di alto valore: infatti, si tratta di un portale dedicato alla pratica di un fitness consapevole sotto la guida di personal trainer e personale specializzato del settore benessere. Siamo partiti, dunque, da una prima analisi di quanto in loro possesso ed abbiamo notato che, in realtà, esistevano diverse problematiche riguardanti l’utilizzo delle keyword e il posizionamento.

In particolare, da un lato alcuni contenuti non erano stati costruiti su alcuna parola chiave (questione, però, facilmente risolvibile); dall’altro lato, l’accumulo di articoli e testi ha portato alla keyword cannibalization – ovvero quando un sito vuole indicizzare molte delle sue pagine sulla stessa keyword – e all’autoconcorrenza. Alla luce dei problemi riscontrati e delle esigenze del cliente abbiamo deciso di porci due obiettivi da raggiungere: l’aumento del traffico sul sito e della brand awareness relativa a Project Invictus e Andrea Biasci.

Step 1: Mappatura e restyling del sito web

Come già accennato poco fa, il sito era già ricco di materiali grazie al contributo di molti autori esperti. Quindi, la prima fase di questo progetto ci ha visti impegnati nella mappatura di tutto il portale: abbiamo identificato categorie e sottocategorie, tag e contenuti.

Poi, in un secondo momento, siamo passati all’analisi delle keyword: da un lato evidenziando quelle già utilizzate, dall’altro inserendo nuove parole chiave con cui il sito si sarebbe potuto posizionare sui motori di ricerca. Il tutto senza cannibalizzare ciò che già era sul sito di Project Invictus, ovviamente.

Una volta terminata la keyword strategy, la nostra parola chiave è stata: razionalizzazione. Abbiamo, infatti, accorpato le categorie del sito eliminando quelle in eccesso e creandone di nuove in modo da avere un match con il search intent degli utenti. Per quanto riguarda il problema della keyword cannibalization degli articoli, invece, abbiamo fuso contenuti simili o affini in un unico articolo riducendo, così, il fenomeno dell’autoconcorrenza.

Razionalizzati tag e categorie, riorganizzati i contenuti e ultimata la keyword strategy, abbiamo completato la parte di ottimizzazione del codice per rendere il sito più veloce e performante.

Step 2: Attività SEO sul sito

Completato il primo step, siamo passati all’attività SEO on site. Abbiamo scelto di rivoluzionare i contenuti per correggere casi di sovraottimizzazione oppure, al contrario, di ottimizzazione nulla. Avendo già completato l’analisi keyword, è stato facile capire come sistemare i contenuti già presenti: talvolta ci siamo limitati al cambio di titolo, altre volte siamo arrivati a cambiare la struttura del testo aggiungendo interi paragrafi o, al contrario, tagliandone alcuni.

Naturalmente, avendo eliminato alcuni articoli, si è reso necessario effettuare dei redirect 301 dal contenuto originario a quello rinnovato: questo per evitare un controproducente errore 404: page not found.

Fare ottimizzazione SEO non significa solamente lavorare sulle keyword, ma anche offrire all’utente un’esperienza di navigazione chiara e intuitiva. Per questa ragione abbiamo lavorato anche all’ottimizzazione della user experience dando una veste nuova ai contenuti modificando, ad esempio, la formattazione con l’inserimento di immagini e la gerarchia semantica delle testate (ovvero H1, H2, H3…).

Step 3: Attività SEO off site e primi risultati

All’interno del lavoro per Project Invictus non poteva mancare uno step immancabile in qualunque strategia SEO: il link earning. L’obiettivo, in questo caso, è stato puntare all’ottenimento di link in entrata da siti autorevoli che avrebbero potuto migliorare la domain authority del sito.

Leggi anche: Come creare una presenza online efficace con la Digital PR

Tante best practice sono state applicate dal team Meta Line in questo progetto sia per il restyling del sito sia per l’ottimizzazione SEO dei contenuti; ma senza risultati tangibili tutta la teoria cadrebbe nel nulla. Ecco allora i risultati che abbiamo portato a casa con Project Invictus dopo questa prima fase dell’attività:

  • Aumento del +17% di keyword tra la prima e la terza posizione
  • Aumento del +199% di traffico organico
  • Miglioramento del profilo di link (da 164 domini univoci a 573 domini univoci)
  • Miglioramento della brand authority

Seconda fase: inbound marketing per la lead generation (2018 – 2019)

Il 2018 si è concluso con un nuovo restyling del sito web e un rebranding del marchio, che hanno contribuito a rinnovarne l’immagine e portare Project Invictus ad un pubblico più ampio.

Verso la fine dello stesso anno abbiamo dato il via  ad un’attività ancor più strutturata, con la creazione di una strategia globale a supporto del brand e della sua diffusione su scala nazionale. Il 2019 vede il focus dell’attività spostarsi sulle campagne digital: l’agenzia ha seguito infatti tutta la parte relativa al lancio online delle nuove pubblicazioni.

Da leggere: DNVB: come i brand nativi digitali stanno plasmando il futuro del mercato consumer

Nella prima metà del 2019 abbiamo messo a punto diverse campagne di inbound marketing per accompagnare le nuove pubblicazioni della collana di libri edita da Project Invictus, tra i libri più venduti in Italia sui temi del fitness e della nutrizione. 

Per ogni volume da pubblicizzare abbiamo strutturato delle campagne di inbound marketing che andassero ad intercettare una determinata fetta di pubblico, in linea con gli obiettivi di vendita secondo specifici criteri identificativi. Attraverso una approfondita conoscenza del comportamento d’acquisto degli utenti siamo riusciti ad identificare le buyer persona del cliente a cui mostrare i giusti annunci che li guidassero lungo un percorso prestabilito di acquisto. 

Ecco un esempio di campagna inbound omnicanale fatta per il cliente, costruita secondo i principi del funnel di vendita.

L’obiettivo era la vendita del libro sul bodybuilding (o culturismo). Occorreva quindi intercettare il segmento di pubblico interessato a quel determinato argomento e non un gruppo di utenti qualsiasi.

Per fare ciò abbiamo sfruttato gli strumenti di Analytics, che ci hanno permesso di tracciare tutte le persone che arrivavano sulla pagina del sito specifica per l’argomento bodybuilding. Creando un percorso di approfondimento abbiamo poi nutrito questi utenti con altri contenuti informativi senza alcuna  spinta commerciale.

Solamente dopo diversi passaggi e dopo che avevano dimostrato interesse, questi utenti sono stati raggiunti da un invito all’acquisto del libro specifico sull’argomento. 

Tutto ciò è stato reso possibile da una accurata attività SEO di posizionamento e architettura dei contenuti, che ha aiutato il cliente a farsi trovare nel momento in cui le persone cercavano sul web informazioni specifiche sull’argomento bodybuilding.

Grazie alle attività di paid advertising su Facebook e Google abbiamo poi attuato un remarketing con cui andare a intercettare specifici utenti sulla base delle loro ricerche e azioni compiute in precedenza. 

Rispetto all’utilizzo di campagne di outbound marketing tradizionali, basate unicamente sulla spinta commerciale e sull’invito all’acquisto, una strategia di questo tipo ci ha permesso di attirare lead qualificati ottimizzando i costi e incrementando i guadagni per il cliente, suscitando l’interesse degli utenti grazie all’utilizzo dei contenuti e alla targettizzazione degli annunci pubblicitari. 

Le attività di promozione basate sulle strategie inbound si rivelano utili non solo per finalità di vendita, ma anche per l’incremento della brand reputation e la costruzione di una community di seguaci e appassionati che ruota intorno al brand, creata grazie alla condivisione di contenuti di valore che rispecchiano gli interessi del pubblico e rispondono alle sue domande. 

Oggi Project Invictus si pone nella sua nicchia di settore come un punto di riferimento, grazie ad una strategia di comunicazione digitale basata sui valori e su uno stile comunicativo definito, che identifica il Cliente e che ha contribuito a costruirne la credibilità nel corso del tempo, crescendo sempre più la fan base e la schiera di fedeli lettori. 

Hai un’attività e vorresti saperne di più sulle opportunità offerte dal web?

Un nostro specialista è a disposizione per parlare con te del tuo progetto e capire come possiamo aiutarti.

Immagine predefinita
Enrico Zottis
CEO e Sales Manager. Formazione di tipo economico e background nel settore bancario, associa la passione per il web a quella per i numeri. Con un approccio analitico e uno sguardo sempre rivolto a nuove sfide, aiuta le aziende che si rivolgono a Meta Line attraverso lo sviluppo di modelli di business sostenibili e l’ideazione di strategie digitali personalizzate.

Meta Line S.r.l.

Via Eraclea, 5/E
30027 San Donà di Piave (VE)
Tel. 0421 222 788

Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per fini tecnici, statistici e di profilazione. Cliccando su "Accetto", acconsenti all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni sui cookie e su come gestirli, consulta la nostra Cookie Policy