Menu

Curi abbastanza la user experience del tuo blog? 7 domande che devi farti

Pubblicato da Marco Ronco il 4-ott-2018 10.04.17 in CRO

User experience è un’espressione molto utilizzata nel gergo del marketing che ormai è diventata di uso comune anche per i non addetti ai lavori. Ma cosa significa esattamente?

Proporre una buona UX vuol dire incontrare le esigenze di navigazione dell’utente; in altre parole, capire ciò di cui l’utente ha bisogno e proporre una soluzione convincente, in grado di portare valore aggiunto all’esperienza di navigazione.

Per capire meglio di cosa stiamo parlando, possiamo tranquillamente fare riferimento alla nostra esperienza personale. Quando visitiamo un sito o un blog che ci interessa, ci aspettiamo non solo di trovare i contenuti che desideriamo ma anche di trovarli strutturati in un certo modo. Facciamo un esempio concreto. Siamo appassionati di cucina e quindi cerchiamo sul web qualche blog che faccia al caso nostro, magari dove vengono proposte ricette preparate con ingredienti biologici e che si ispirano alla cucina naturale.

Vorresti aumentare il ritmo della tua lead generation?  Scarica la guida gratuita!

Ora, un blog che tratta questo tipo di argomenti non può presentare contenuti freddi, schematici e una grafica geometrica e minimal. Al contrario, i testi, così come il design complessivo del portale, devono richiamare la natura, il relax, la sensazione di serenità che si prova nel mettersi ai fornelli per preparare una cena per gli amici.

Un blog che, invece, tratta tematiche relative, per esempio, ai farmaci, avrà un’interfaccia più formale, più professionale, più “medica”. Per finire, un blog dedicato all’infanzia presenterà un design naïve e colorato e i testi saranno scritti con un font simpatico e giocoso.

Insomma, l’impatto visivo che un contenuto web ha sull’utente che lo visita è molto importante per affrancare la sua attenzione e non permettere che abbandoni la piattaforma per passare a una concorrente. Allo stesso tempo, una volta che l’utente si sofferma a guardare il sito, anche la navigazione all’interno dello stesso deve essere agevole, permettendogli di trovare facilmente le diverse pagine o sezioni che gli consentono di approfondire la lettura.

Questa è la user experience. Ma affinché un utente percepisca effettivamente di navigare nel sito giusto per lui è necessario che il portale soddisfi determinati requisiti relativi alla qualità della UX che offre. Ecco allora 7 domande fondamentali che bisogna porsi per capire se la UX di un blog è curata a dovere.

  1. È utile?
  2. È facile da usare?
  3. È desiderabile?
  4. I contenuti sono facili da trovare?
  5. È accessibile?
  6. È credibile?
  7. È portatrice di valori?

Ecco la prima, basilare questione. I contenuti di un blog devono innanzitutto poter essere utili all’utente che lo visita. Cerchiamo la ricetta della cheesecake? Se capitiamo su un blog dedicato ai dolci, dobbiamo poterla trovare con facilità.

Altro quesito molto importante riguarda l’usabilità. Navigare significa agire in fretta. Lo sappiamo bene: spesso si guarda lo smartphone o il tablet mentre si è sui mezzi pubblici o nella sala d’aspetto del dentista. Se voglio capire come si prepara una cheesecake, devo poterlo fare in tempi brevi e senza intoppi nella navigazione.

Anche l’occhio vuole la sua parte. Il design di un blog, come accennavamo, è fondamentale per catturare l’interesse degli utenti. La scelta delle immagini, dei font, dei colori deve poter evocare particolari emozioni e permettere all’utente di identificarsi con quella realtà. Far coincidere il design del blog con i gusti del target di riferimento: ecco la chiave per una user experience di successo.

Si tratta di un discorso affine a quello dell’usabilità: un blog deve essere strutturato in modo semplice e intuitivo e la navigazione deve essere facile, permettendo all’utente di trovare rapidamente ciò che cerca.

La nonna vuole preparare la cheesecake anziché la solita crostata? Se possiede un computer, uno smartphone o un tablet e visita un blog di cucina, deve poter trovare tutto ciò che le serve senza difficoltà, anche indossando gli occhiali da lettura. Contenuti troppo fitti, senza spazi o divisioni in paragrafi e font troppo piccoli potrebbero rendere sgradevole la sua user experience. Al contrario, un blog deve essere accessibile a tutti, proprio come un edificio o un parco pubblico.

La fiducia è alla base di ogni rapporto. Affinché una UX sia davvero piacevole, quindi, gli utenti devono fidarsi di ciò che viene detto loro.

Concludiamo considerando un concetto molto importante: quello di valore. Una user experience, infatti, per avere successo deve permettere all’utente di dare valore alla propria navigazione, lasciando una traccia, un significato.

Se il tuo blog risponde positivamente a queste domande... il successo è garantito!

Scopri come migliorare la Lead Generation Scarica la guida