Archetipi di Brand: il Creatore

Se può essere immaginato, può essere creato”

Anticonformista e visionario, l’archetipo di brand del creatore parla alla nostra parte più artistica, quella, appunto, più creativa. Si ritrova in artisti, scrittori, innovatori ed imprenditori, così come in qualunque altra impresa che parte da una visione. Come l’artista dipinge un quadro che riflette la sua anima, così l’imprenditore crea un business e lo guida secondo la propria concezione.

Profondamente anticonformista e propenso all’innovazione, il brand creatore mira a creare qualcosa di innovativo e che duri nel tempo. Non gli interessa appartenere, ma esprimere il proprio sé e la propria visione in modo autentico, senza alcun limite che possa imbrigliare la sua immaginazione.

Archetipo del creatore: l’identikit

Ed è proprio dall’autenticità di pensiero e dal credere nel potere dell’immaginazione che sono nate le opere più incredibili e le invenzioni in grado di cambiare la società. Come l’Innocente, il Saggio o l’Esploratore, anche il Creatore vuole la libertà di espressione, ma a differenza degli altri la sua motivazione più profonda risiede nel bisogno del controllo creativo e artistico che gli permetta di plasmare qualcosa che non è mai esistito prima. É la struttura che determina il risultato, e in assenza di una struttura adatta non è possibile dare forma alla visione.

L’archetipo di brand del creatore è frequente nelle realtà operanti nel marketing, nel design e nella tecnologia.

Esempi famosi: Apple, Lego, Nintendo, Adobe, Crayola, Sony, MAC Cosmetics

Desiderio: creare qualcosa dal valore duraturo

Obiettivo: dare forma ad una visione

Paura: mediocrità di visione ed esecuzione

Strategia: sviluppare competenza e controllo creativo

Trappola: perfezionismo

Dono: creatività ed immaginazione

Noto anche come: l’artista, l’innovatore, l’inventore, il musicista, lo scrittore o il sognatore

Adatto per:

  • brand il cui prodotto incoraggia l’espressione del sé, dando ai clienti possibilità di scelta ed opzioni, aiuta a promuovere l’innovazione o presenta un design artistico
  • realtà che operano in un campo creativo come il marketing, le pubbliche relazioni, l’arte, l’innovazione tecnologica (come lo sviluppo di software)
  • marchi che cercano di differenziarsi da quei brand che promettono di “fare tutto” per il cliente, lasciando poco spazio alla scelta

La creatività è nelle mani del consumatore

Le persone amano i brand che le aiutano a liberare la loro parte creativa: di fronte all’apparente caos che governa il mondo, il processo creativo richiede concentrazione e dà alla persona un senso di controllo. Quando creiamo qualcosa tendiamo ad essere totalmente immersi nell’atto del creare, siamo in quello stato di coinvolgimento totale che viene definito uno “flow state”, il flusso dal quale riusciamo a dare forma alle nostre idee, che sia sotto forma di un testo, di un componimento musicale o di un lavoro che stiamo svolgendo. Questo ci dà un senso di controllo e ci fa stare bene, perché quello che creiamo è anche riflesso di noi stessi e della nostra visione.

L’archetipo del creatore si ritrova spesso nelle organizzazioni dedite al marketing, al design e all’innovazione tecnologica; in generale, in tutte quelle attività che riscrivono sistemi e strutture per creare qualcosa di nuovo

Pensiamo a realtà pioniere come Youtube e Pinterest, dove ognuno di noi può esprimere sé stesso attraverso la creazione di contenuti video e immagini (non è un caso che da “Youtuber” si sia passati a “Content Creator”); altre realtà tipiche sono quelle del fai-da-te, che aiutano le persone a dare sfogo all’immaginazione e alla creatività dando loro gli strumenti adatti.

Leggi anche: Mago, eroe o angelo custode? Gli archetipi di brand e come usarli in una strategia digitale

Uno dei brand per eccellenza che incarna l’archetipo del Creatore è però senz’altro Lego, che come nessun’altro riesce a promuovere la creatività e l’immaginazione in grandi e piccoli. I mattoncini danesi sono lo strumento per dare vita a creazioni pressoché infinite: dalle più semplici che può creare un bambino alle più complesse, vere e proprie opere dell’ingegno che possiamo ammirare all’interno di esposizioni dedicate e che non cessano mai di sorprendere e lasciarci a bocca aperta. L’unico limite? L’immaginazione!

Tecnologie che ridisegnano il futuro

Lo stesso vale per prodotti tecnologici in grado di dare alle persone esperienze nuove e irripetibili. Un esempio è Sony, che con il suo slogan del 2010 “make.believe” si impegnava a dare ai consumatori prodotti e servizi sempre nuovi, frutto di know-how e di una tendenza continua all’innovazione.

Apple è un altro esempio lampante di come ricerca della qualità, innovazione tecnologica e immaginazione si fondono insieme per dare vita a prodotti unici, diversi da tutti gli altri. Dalle campagne pubblicitarie degli anni 90 con lo slogan “Think Different” ad oggi, il brand è diventato simbolo di creatività, espressione di sé, originalità e anticonformismo, grazie anche ad una comunicazione che esalta la diversità e la sfida allo status quo (e poco importa che i suoi prodotti siano in mano a milioni di persone in tutto il mondo).

Rimanendo sempre nel settore delle tecnologie, Adobe è un altro emblema perfetto per l’archetipo di brand del creatore. La sua filosofia si riassume tutta nel pay-off che accoglie l’utente all’interno del suo sito: “Creatività per tutti”.

Adobe si impegna a fornire alle persone gli strumenti per concretizzare le proprie idee, che si tratti di webdesign, grafica, fotografia, video editing o soluzioni per svolgere e organizzare al meglio le attività di marketing, ecommerce e gestione documentale.

Come rivolgersi al cliente – creatore?

Da un punto di vista più concettuale, l’archetipo del creatore come target di mercato rappresenta il consumatore che cerca l’innovazione e la bellezza e rifugge tutto ciò che è di massa e di scarsa qualità. I suoi acquisti riflettono il suo gusto e i suoi valori.

Anche se non siamo dei creativi o non abbiamo particolari talenti artistici, gli spazi e gli oggetti che ci circondano tendono a riflettere una parte di ciò che siamo. Il Creatore non acquista per impressionare, ma per esprimere sé stesso. È la parte di noi che apprezza l’arte e il design, e che cerca di esercitare il suo controllo esterno dando forma all’ambiente che la circonda, perché è ciò che ci dà stabilità e serenità. 

Traslato in un’ottica business-to-business, si lega alla necessità di portare i progetti dalla carta alla realtà, e di farlo attraverso strumenti, tecnologie e software capaci di metterci nelle condizioni di trasformare la nostra visione in un risultato qualitativamente eccellente, all’altezza delle aspettative del cliente.

I brand che possono colpire questo tipo di consumatore sono quelli che sanno rispondere a queste esigenze di creatività ed espressione di sé, e che riescono a veicolare il proprio messaggio facendo riferimento a quei valori importanti per il creatore.

Hai un’attività e vorresti saperne di più sulle opportunità offerte dal web?

Un nostro specialista è a disposizione per parlare con te del tuo progetto e capire come possiamo aiutarti.

Immagine predefinita
Enrico Zottis
CEO e Sales Manager. Formazione di tipo economico e background nel settore bancario, associa la passione per il web a quella per i numeri. Con un approccio analitico e uno sguardo sempre rivolto a nuove sfide, aiuta le aziende che si rivolgono a Meta Line attraverso lo sviluppo di modelli di business sostenibili e l’ideazione di strategie digitali personalizzate.

Meta Line S.r.l.

Via Eraclea, 5/E
30027 San Donà di Piave (VE)
Tel. 0421 222 788

Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per fini tecnici, statistici e di profilazione. Cliccando su "Accetto", acconsenti all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni sui cookie e su come gestirli, consulta la nostra Cookie Policy